Tutta colpa di un post



Credit Ph. Zoelondon


Capisco che oggi non è la giornata migliore per scrivere, siete tutti in ferie , su spiagge assolate e cocktail giacchiati.

Io sono qui a casa, niente ferie, con una gamba ingessata per colpa di una banale distorsione in realtà “diventata” una frattura composta al quinto metatarso, ma questa è un’altra storia.

L’assenza da qui è stata voluta, cercata e desiderata perché questo posto è come il  diavolo e l’acqua santa, ti manca se non ci stai e quando ci sei vorresti farne volentieri a meno.

La mia insofferenza si è notata in tutto questo periodo, spesso mi sono volutamente allontanata, la mia idea, un anno fa era quella di dare una mano alle creative, alle donne che volevano reinventarsi un lavoro, una ricetta,un’idea originale e simpatica da regalare, far conoscere altre realtà che fanno grande questo luogo.

Purtroppo i social sono come uragani  dove passano ti travolgono e quell'idea che avevo è stata man mano risucchiata dagli stereotipi che la società ha creato.

Ma la società le abitudini siamo noi, che le creiamo e le imponiamo e non accetto il sentirmi dire -Tanto vanno così le cose - perché in tutto c'è una via d'uscita, e non sempre le strade seguite da molti vanno  bene per noi.

Mi sentivo soffocare, inadeguata, fuori tempo ed è per questo che ho deciso di allontanarmi, poi,(visto che credo che le cose non accadono mai per caso), mi sono imbattuta su questo post, diverso dal mio contesto, ma per una strana ragione mi ha dato una scossa, io non volevo far morire il mio blog,tutto in fondo è partito da qui.

Non posso promettere niente, anzi il nulla, sicuramente coltiverò più questo luogo che i social, che per carità servono e sono cruciali per tantissimi lavori, ma io MI RICONOSCO SOLO IN QUESTA VESTE, lo farò alla mia maniera facendovi conoscere persone, donne e bellissimi progetti.


Anche se non ho doti giornalistiche, di scrittura su una cosa sono certa scrivo con il cuore.
Buon ferragosto e ben tornata a me

Commenti

Post più popolari